Top

Directory link building: ecco perchè non servono più come una volta

Egidio Imbrogno / SEO  / Directory link building: ecco perchè non servono più come una volta
link building

Directory link building: ecco perchè non servono più come una volta

La Directory link building oggi non ha più molto senso. Non tanto quanto ne aveva in passato almeno. Le regole della SEO sono cambiate, perché è cambiato (più di una volta) l’algoritmo di Google. Andiamo per gradi e vediamo intanto cosa sono le directory web.

Si tratta (parliamo al presente perché ancora oggi ne esistono, anche se scarsamente autorevoli) di elenchi di siti web, suddivisi in maniera gerarchica. Non si tratta di un vero e proprio motore di ricerca, né uno strumento di archiviazione delle URL. Molto semplicemente sono dei raccoglitori, organizzati in categorie e sottocategorie.

In passato la pratica della directory link building era molto apprezzata e utilizzata dai praticanti SEO. Questa infatti permetteva di conferire forza ed autorevolezza ad un sito, con un minimo sforzo. Oggi invece la musica è cambiata, il motore di ricerca si è affinato e non conta più la quantità (almeno non solo quella), ma anche e soprattutto la qualità.

Directory link building: come funzionava

In parole semplici a chi praticava SEO e voleva avvalersi di questa tecnica, bastava segnalare il link del sito da spingere attraverso un form, perché questo venisse inserito nell’elenco della directory. Ne esistevano di moltissime tipologie, grandi, piccole, italiane, straniere, gratuite, a pagamento e qualcuna che faceva anche certa selezione all’ingresso.

Una delle più conosciute rimane forse quella di DMOZ. Qualche parola su questo “mostro” che ha chiuso i battenti nel 2017. Il nome per esteso era Open Directory Project, conosciuta anche con l’acronimo di ODP e DMOZ appunto, è stata una delle web directory multilingue a contenuto aperto più conosciute e importanti nell’ambiente seo.

Una grande comunità virtuale di redattori volontari, che aveva lo scopo di raccogliere e indicizzare hyperlinks del web. Dal 17 marzo 2017 DMOZ non è più disponibile, anche se i gestori dicono che il progetto non è completamente né definitivamente tramontato, ma solo sospeso. Tramontato o meno che sia, il progetto oggi non ha più molto senso. Le regole seo sono cambiate drasticamente, tanto da non considerare più importante un link ricevuto da una web directory.

Directory link building: cosa è cambiato rispetto al passato

Rispetto al passato è cambiato il focus, cioè l’attenzione che il motore di ricerca ha nei confronti di un sito, piuttosto che di un altro. Cosa significa? Significa che non conta la quantità (almeno non tanto quanto prima), ma la qualità dei link ricevuti.

Le web directory non hanno autorevolezza, cioè non sono importanti né influenti agli occhi del motore di ricerca. Non lo sono perché non portano alcun beneficio materiale all’utente. Non servono a dare risposte, a trovare servizi, o a comprare prodotti. Quindi, tutto quello che non serve all’utente, è considerato inutile per Google.

Lo ha chiarito molto bene Google con l’ultimo aggiornamento al proprio algoritmo, Bert. BERT, il più rivoluzionario degli update che Big G abbia mai realizzato. Un sistema in grado di capire non solo la query in se per se, ma l’intento stesso della ricerca. Questo significa che Google prenderà in considerazione solo ed esclusivamente quello che è veramente utile all’utente. Se il motore di ricerca analizzando la qualità dei back link rileverà collegamenti scadenti provenienti da directory di basso valore, non li considererà nemmeno. Anzi, in alcuni casi potrebbe addirittura valutarli negativamente. Meglio evitare quindi!

[email protected]

Sono nato e cresciuto a Varese, la mia passione è il web e le strategie di marketing online, nella fattispecie mi occupo di consulenza e servizi per il posizionamento su Google (SEO). Dopo una lunga esperienza maturata in Web agency estere e anche italiane ho deciso di aprire il mio personal blog. Esperto in realizzazione e-commerce, siti e blog... mi occupo non solo di sviluppo ma sopratutto di consulenza SEO e di WEB MAREKTING. Contattami e facciamoci due chiacchiere :)