Top

Posizionamento sui motori di ricerca: cos’è e come ottimizzarlo

Egidio Imbrogno / SEO  / Posizionamento sui motori di ricerca: cos’è e come ottimizzarlo
posizionamento sui motori di ricerca

Posizionamento sui motori di ricerca: cos’è e come ottimizzarlo

SEO, acronimo di Search Engine Optimization, in italiano è tradotto come: “Ottimizzazione del motore di ricerca”. Per SEO si intendono un insieme di tecniche, interne ed esterne ad un sito, volte a favorirne il posizionamento sui motori di ricerca. Un miglioramento naturale, in gergo definito “organico”, che non è il risultato di campagne pubblicitarie a pagamento, ma una soluzione duratura nel tempo, ottenuta tramite un lavoro meticoloso di scrittura, programmazione e ottimizzazione.

Esistono vari motori di ricerca:

Bing

Yahoo

StartPage

Qwant

DuckDuckGo

Ecosia

Swisscows

Google

Il più utilizzato e conosciuto al mondo è Google. Quando una parola chiave è digitata sul motore di ricerca, questo mostra in risposta un elenco di risultati. Questo elenco è chiamato: SERP ( altro acronimo di Search Engine Results Page che significa “pagina dei risultati del motore di ricerca”). L’ordine di visualizzazione è determinato da uno specifico indice di indicizzazione (diverso per ciascun motore). Si tratta di un algoritmo particolarmente complesso, costantemente aggiornato e modificato per migliorarlo in base agli intenti delle ricerche degli utenti.

Conoscere il meccanismo di funzionamento di questo algoritmo, permette di adottare determinati strategie e provvedimenti per aiutare un sito a scalare la SERP e a posizionarsi sempre meglio nell’elenco dei risultati.

Indicizzazione, posizionamento e ottimizzazione: le differenze

Esiste forse un po’ di confusione nella terminologia utilizzata per la SEO. Indicizzazione, posizionamento e ottimizzazione, possono sembrare termini simili, ma in realtà non sono la stessa cosa e indicano tre momenti molto diversi tra loro. Importanti in egual misura, identificano tre diversi istanti del processo complessivo della SEO.

L’indicizzazione è l’operazione attraverso la quale un sito (nuovo o meno che sia) è “presentato” al motorie di ricerca, che lo inserisce nel proprio indice, pronto a leggerne i contenuti. Google utilizza alcuni “robot”, chiamati spider o crawler che setacciano costantemente il web alla ricerca incessante di nuovi siti o modifiche apportate a quelli già esistenti. É possibile indicare a Google la presenza di una nuova modifica o di un nuovo sito, segnalandolo con strumenti ad hoc predisposti direttamente dal motore.

Il posizionamento sui motori di ricerca invece si riferisce, come abbiamo detto, alla visibilità di un sito in SERP. Il primo risultato in elenco proposto dal motore è quello che posizionato meglio rispetto a tutti gli altri, perché più pertinente alla chiave di ricerca utilizzata.

Infine l’ottimizzazione racchiude una serie di pratiche (in and off site) che migliorano la leggibilità (e di conseguenza l’appetibilità) di un sito agli occhi del motore di ricerca.

Posizionamento sui motori di ricerca: essere trovati dagli utenti

Esistono moltissime forme di promozione di un sito. Dalle campagne a pagamento di Google AdWords, all’acquisto di banner pubblicitari su portali e siti verticali, dalla pubblicizzazione cartacea, alla link building. Tra tutte queste, la SEO, risulta la soluzione migliore per aumentare stabilmente la visibilità di un sito sui motori di ricerca, tenendo conto del rapporto investimento/ritorno economico.

Recenti studi hanno dimostrato che la maggior parte degli utenti, quando effettuano una ricerca su un motore di ricerca, cercano una risposta solamente tra le prime venti posizioni (equivalenti alle prime due pagine). Questo significa che avere un sito e non riuscire a comparire almeno nelle prime due pagine di ricerca (per parole chiave di interesse relativo all’attività svolta) equivale a non averlo proprio!

L’importanza del posizionamento organico

Come abbiamo visto gli utenti non vanno oltre la seconda pagina dei risultati in SERP. Di conseguenza conquistare la seconda, o addirittura la prima pagina, significa guadagnare in visibilità. Alla visibilità consegue maggior traffico (cioè maggiori utenti che cliccano su un determinato sito, lo visitano e lo scelgono come soluzione) e al maggior traffico corrisponde maggiori conversioni.

Con il termine “conversione” in SEO si intende riuscire a trasformare un semplice click dell’utente in un’azione pratica che lo porti a compiere una determinata attività (ad esempio ad acquistare un prodotto, piuttosto che lasciare la propria mail registrata alla newsletter).

Una volta raggiunti risultati soddisfacenti, non è poi possibile adagiarsi sugli allori. Il posizionamento sui motori di ricerca infatti varia nel tempo e nello spazio. Il motore ha imparato a geolocalizzare le ricerche degli utenti, mostrando risultati vicino alla zona di interesse dell’utente stesso. Inoltre i risultati variano anche in base al tempo e alla quantità di attività e utenti che lavoro per garantirsi una migliore posizione in SERP. Il risultato conquistato va così mantenuto lottando e continuando, in modo costante e duraturo, a lavorare con specifiche tecniche SEO per non perdere i vantaggi conseguiti.

Posizionamento sui motori di ricerca: ranking factors

Google è ancora oggi il primo motore di ricerca al mondo. Lo è perché i suoi risultati sono sempre i più pertinenti e desiderati dagli utenti. Per riuscire in questo intento, the Big G è sempre impegnato nello sviluppo di nuovi algoritmi intelligenti, in grado di analizzare l’intento e i comportamenti degli utenti che effettuano le ricerche.

Google tiene conto di molti fattori che influenzano il posizionamento in classifica SERP. Fattori che determinano posizioni e oscillazioni in graduatoria a seconda della loro realizzazione e/o ottimizzazione:

Architettura del sito

sicurezza del dominio

collegamenti in entrata da siti esterni

parole utilizzate per linkare pagine e contenuti all’interno del sito

autorità tematica

intento delle parole chiave

struttura (formattazione) dei contenuti delle pagine/articoli

Immagini

Velocità di caricamento

Usabilità del sito

L’elenco è molto, molto, più lungo. Molti fattori di cui Google tiene conto non sono addirittura conosciuti ai più, ma ugualmente importanti per gli scopi prefissi. Riuscire a soddisfare la maggior parte di queste richieste, in modo costante nel tempo e nel migliore dei modi, soddisfa il motore di ricerca e permette un posizionamento sempre più alto.

Costanza e perseveranza

Per ottenere risultati sempre migliori, il lavoro di SEO deve essere svolto in maniera costante. Non è una tecnica spot, né un intervento una tantum. Non è un lavoro semplice da svolgere e richiede molta competenza, professionalità e soprattutto voglia di aggiornarsi continuamente, visto che gli algoritmi di Google sono sempre in costante aggiornamento. Solamente attraverso un buon piano strategico delineato e definito preventivamente, può portare a risultati ottimali, con il passare del tempo.

[email protected]

Sono nato e cresciuto a Varese, la mia passione è il web e le strategie di marketing online, nella fattispecie mi occupo di consulenza e servizi per il posizionamento su Google (SEO). Dopo una lunga esperienza maturata in Web agency estere e anche italiane ho deciso di aprire il mio personal blog. Esperto in realizzazione e-commerce, siti e blog... mi occupo non solo di sviluppo ma sopratutto di consulenza SEO e di WEB MAREKTING. Contattami e facciamoci due chiacchiere :)